toccarsi


  1
Toccarsi
un intreccio di tangenti
sfiorarsi di carezze
due sfere che cocciano
due spade che s’abbattono
una sull’altra

 
Il contatto arrotonda gli animi
li ferisce
spiriti che cercano l’aderenza
si ricoprono di ferite
 
Una sull’altra
un filo che scheggia l’altro
viene la tentazione di schivarsi
ma tutto quel che possiamo
è parare
attutire il colpo assorbendone il dolore
 
Lame invisibili
fili taglienti
avvolgono
calde mani
dolci nel loro abbraccio
dolci nel loro gravante abbraccio
 
   2
Ghiaccio
all’improvviso il freddo non è più fastidio
la lontananza  assume la consistenza di un allievo
 
Caldo, armonico, soffice
all’improvviso gradisco le parole spigolose
mi giunge invitante la stretta tra corpi pungenti
 
   3
È solo mancanza
non vero dolore
distanza da emozioni ambite
e lo sento scorrere
un leggero pizzicare
come quando sento il cuore stropicciato
come il formicolare
o l’incapacità di muoversi quando vengo coinvolto in una paralisi
 
è  il bussare di un destino catastrofico
 
   4
Non avevo ceduto il passo
non mi ero mai voluto allontanare di una simile distanza
 
   5
Risale
mi piace
assorbo tutto quest’infinito sentimento
così possente da tirarmi fuori simili versi
così invitante che non lo detesto
 
Nello schianto di lama su lama
ogni sguardo rasenta la superficie
coglie una sfumatura
e la strappa
lasciando viva la pelle
sviscerando il sangue
l’odio che assale
 
Lo sento nello stridere di un pensiero
bellissimo, iridescente
colmo di speranze
ma è la stessa cosa di un futuro incavato
rosicchiato
da tarli
maligni esseri umani
 
Un futuro radioso corroso
per mano di gente inutile
 
E l’odio che sale
 
   6
Il futuro è dunque il vuoto
appare chiaro per come lo stiamo costruendo
 
Siete voi a sfibralo
sono io che ancora appartengo
non so come
a questo mondo
 
Sono io che mi rifiuto di ritrarre il pugnale
che continuo a menare fendenti
proprio come voi
 
La guerra è un errore
un atto di difesa è pari alla guerra
 
I vostri fili
ci attorniano
ci stringono
ma provo sempre meno fastidio
per un branco di corpi
inconsistenti
ammassati uno sull’altro
a sbranarsi di grida
ringhiando frustate
utilizzano parole come armi
 
   7
Quale bandiera sventola
adesso?
la verde speranza, la bianca di resa?
 
La sfocatura s’attenua
la vedo dardeggiante
sospesa dal vento
strattonata
rossa di passione
ma più scura
come quando s’impregna d’aria
il sangue
 
 
 
 
scuro
puro
silente veleno che m’accompagna
trascina le dita
in frasi
 
pagine
stille rapprese di vita
che ingorde rivestono il mio stendardo
il mio spirito
 
Non sono niente senza di voi
non siete niente neppure voi
 
questo
in un gesto
l’ambiguo destino che mi costringe a circondarmi di persone
pur senza provare il minimo contatto
 
Ci sono
o no
la materia persiste
il mondo, in fondo, se ne frega

 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...